Recensione Xiaomi Scooter Essential: MEEEEH! O no?

Come capita in ambito smartphone, tanti produttori sovrappongono i loro modelli e si fa fatica a starci dietro; per questo cerchiamo di capire con questa recensione dello Xiaomi Scooter Essential cosa dobbiamo aspettarci da quello che è il monopattino elettrico più economico dell’azienda, e quali sono le differenze con i suoi compagni di marchio.

Lo Xiaomi MI Scooter Essential è infatti un monopattino presentato assieme ad altri due nel luglio 2020, i modelli chiamati M365 ed M1 S. Abbiamo così tre mezzi molto simili dal punto di vista dell’apparenza, ma che nascondono alcune importanti differenze in termini di prestazioni.

Xiaomi Mi Essential, i dati

La recensione dello Xiaomi Mi Scooter Essential deve cominciare dai semplici numeri, che sono la cosa che ci importa di più per capire perchè costa così poco: non è detto infatti che autonomia, velocità e pesi massimi consentiti siano adatti a tutti.

Autonomia a piena carica: la casa parla di 20km di autonomia, il che è perfettamente in linea con il fatto che la batteria è grande circa il 30% in meno rispetto a quella del fratello più grande, l’M365. In realtà però in media il Mi Essential si porta a casa qualcosa in meno in termini di autonomia, ma grazie alla guida parsimoniosa dovuta alla velocità massima possibile minore è comunque in proporzione di più rispetto a quello che si fa rispetto all’M365. Diciamo che si riesce ad arrivare a 18km su percorsi in piano senza troppi problemi.

Velocità massima: qui c’è una bella differenza, perchè lo Xiaomi Mi Scooter Essential arriva al massimo a 20km/h. È una limitazione di velocità imposta tramite software, quindi in teoria potreste fare un qualche hack e modificarla, ma esiste e la menzioniamo.
È importante? Per alcuni potrebbe esserlo, perchè se andate ad esempio su ciclabili trafficate in cui ci sono tanti ciclisti che vanno piano, il fatto di avere uno spunto massimo a 25km/h è sicuramente una buona cosa per potervi liberare dalle situazioni in cui siete in mezzo a questo genere di traffico. E un po’ di spunto in più fa comodo anche in quelle situazioni in cui dovete togliervi da un incrocio velocemente.

Potenza del motore: 250W; come detto è uguale a quella di altri monopattini elettrici della categoria, niente di particolare da segnalare. La batteria associata è una 5100mAh, più piccola e quindi più leggera di quella dei fratelli come l’1S sempre Xiaomi (parliamo di una differenza di peso di circa 500 grammi).

Peso massimo consentito: se pesate fino a 100kg potete usare questo monopattino elettrico senza grossi problemi, ma considerate che l’autonomia considerata diminuirà di qualche km e quindi dovrete effettuare ricariche più frequenti.

Attenzione alla versione!
Quando siete in ballo a comprare questo Xiaomi Essential, state attenti perchè rischiate di trovarvi con un mezzo non proprio legale: esiste una versione “internazionale” di questo monopattino elettrico che ha il livello di velocità minimo limitato a 10km/h invece che a 6km/h, e quest’ultimo è ad oggi il livello di velocità consentito nelle aree pedonali. Prendete quindi questa versione piuttosto che altre disponibili in rete!

Stesso design, all’incirca

Xiaomi non cambia il suo design, considerato che ci sono molte case produttrici che l’hanno copiato (anche se probabilmente è una questione di produzione negli stessi stabilimenti e successiva rimarchiatura), e in linea di massima usa le stesse linee per tutti i suoi monopattini elettrici.
Le dimensioni dei vari modelli sono praticamente uguali, ed è possibile vederle sopra; cambia leggermente il peso, come detto, con il guadagno di circa 500 grammi per l’Essential che renderà leggermente più facile il compito di trasportare lo scooter sulle scale quando andiamo al lavoro, o farlo salire con noi sui mezzi pubblici nella mobilità mista.

Si mantiene uguale anche la larghezza della piattaforma di appoggio dei piedi, circa 14,5cm che sono un po’ stretti per un adulto e che lo rendono non proprio comodo per posizionare i piedi perpendicolarmente al senso di marcia.
Rimane anche l’impossibilità di regolare l’altezza del manubrio, cosa che è scomoda per chi è particolarmente alto (ma parliamo di persone intorno ai 2 metri e sopra!) e vediamo anche su questo modello il meccanismo per il blocco e lo sblocco dello sterzo, cosa che fa piacere perchè è efficace e abbastanza resistente. Ma questo è un modello economico di scooter elettrico, e non ci si può aspettare tanto così come non ci si può aspettare che per magia compaiano delle sospensioni a un prezzo così basso. Un miglioramento però lo vediamo nel fatto che le camere d’aria sono state rinforzate, e quindi possiamo giocare un po’ con le pressioni per evitarci troppi fastidi quando siamo su strade dissestate: è molto importante.

Ci sarebbe piaciuto vedere uno schermo più grande, magari con indicatore della carica residua, e perchè no, un manubrio con manopole pieghevoli in modo da rendere lo Xiaomi Mi Essential ancora più compatto e facile da riporre in un piccolo appartamento.

Domande sullo Xiaomi Mi Essential

Vediamo ora, quasi in conclusione di questa recensione dello Xiaomi Mi Essential, di rispondere a qualche domanda specifica.

Lo Xiaomi Mi Essential è adatto a lunghi tragitti?

Come detto si tratta di un monopattino elettrico con un’autonomia di 20km circa, e il problema di qualsiasi apparecchio a batteria è che la batteria stessa funziona bene per un numero limitato di cicli, dopodiché meglio cominciare a pensare di sostituirla. Nel caso del Mi Essential parliamo di poco più di 500 cicli di ricarica, il che equivale a circa 10000km. Non poco, certo! Ma se pensiamo di usare ogni giorno il monopattino per 20km su un percorso andata e ritorno, è meno di due anni di uso continuo.
Diciamo che lo Xiaomi Mi Essential è consigliato per percorsi singoli fino a 5km, per cui diventa conveniente.

È possibile aumentare la velocità massima dello Xiaomi Mi Essential?

Oh, ragazzi… Perchè ci fate queste domande? Ok, ve lo diciamo in un orecchio: si può, e si può aumentarla a 30km/h (ed è anche abbastanza semplice, basta seguire queste istruzioni), ma farlo significa che invaliderete la garanzia e che non userete il monopattino per quello per cui è pensato. Fossimo in voi ci penseremmo non una ma dieci volte.

Posso usarlo sotto la pioggia?

Per rispondere a questa domanda vi rimandiamo all’articolo sull’uso del monopattino con la pioggia e vi diciamo che questo Essential è certificato IP 54: quindi no, non potete usarlo continuativamente sotto la pioggia perchè rischiate di rovinarlo, ma qualche schizzo lo regge bene.

Conclusioni

Come concludiamo questa recensione dello Xiaomi Mi Scooter Essential?

Beh, possiamo dire che questo è un monopattino elettrico è un po’ adatto a tutti e nessuno: non eccelle in nessuna caratteristica, è piuttosto mediocre, poco scattante, non particolarmente capiente come batteria… Però ha un prezzo accessibile a quasi tutti, ha il design Xiaomi quasi classico e ormai è un prodotto noto in tutto il mondo con una possibilità di assistenza in caso di guasti migliore della media. Se lo consigliamo?
Sì e no; lo consigliamo a chi ha esigenze medie, pesa non oltre i 90kg e deve fare 3-6km ogni giorno per gli spostamenti cittadini senza troppi saliscendi e non vuole perdere tempo a guardarsi troppe caratteristiche tecniche. Per gli altri ci sono alternative magari più costose ma centrate.