Ola potrebbe essere la Tesla degli scooter

Il mercato dei motocicli elettrici potrebbe essere molto interessante, ma non ha ancora trovato un attore in grado di prendersi le prime pagine dei giornali e i cuori degli acquirenti; speriamo in un marchio italiano, ma ce n’è uno indiano che sembra sulla buona strada per fare qualcosa di simile all’azienda di Elon Musk.

Si chiama Ola e a suon di finanziamenti sta facendo parlare di sé: la valutazione attuale è di 3 miliardi di dollari e ha a disposizione un mercato potenziale, quello del subcontinente indiano, in cui potrebbe prendere il volo prima di espandersi in altri paesi come l’Italia (dove arriverà presto).

180km di autonomia e 115km/h

Il nuovo round di finanziamenti di cui è stata omaggiata Ola arriva poco dopo l’uscita dei primi scooter dell’azienda, l’Ola S1 e l’Ola S1 Pro, e ammonta a 200 milioni di dollari. A noi interessa di meno, ci fa più piacere sapere che il motore elettrico dei due Ola S1 è da 8,5kW, che la versione base raggiunge la velocità massima di 90km/h contro i 115km/h dell’S1 Pro e che l’autonomia di questi due scooteroni elettrici è rispettivamente di 120 e 180km.

La strategia di Ola sembra riprendere quella degli smartphone, almeno per quel che riguarda la scelta dei colori: ce ne sono tantissimi, tra lucidi e opachi, tutti in toni pastello eleganti e però vivaci. L’estetica è minimalista, con un bel frontale, segnaliamo poi la presenza di un baule piuttosto ampio sotto il sedile.

E il prezzo? L’ipotesi è che, quando avverrà la commercializzazione in Europa, Ola S1 abbia un prezzo simile a quello in India: intorno ai 1200€, con una maggiorazione di circa 300€ per la versione con batteria più capiente e in grado di raggiungere una velocità maggiore. Se fosse così, i prezzi sarebbero ben più che concorrenziali, e farebbero ingolosire tanti che usano gli scooter in città per muoversi e per le commissioni.

La commercializzazione in Europa, secondo indiscrezioni, dovrebbe essere già prevista per la fine dell’anno prossimo, ma l’amministratore delegato di Ola, Bhavish Aggarwal dopo aver intascato il successo del nuovo giro di finanziamenti, rilancia: gli investimenti andranno nella direzione dello sviluppo di un’auto elettrica in grado di competere con il gigante statunitense e con le case produttrici del nostro continente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *