Dal 2035 solo moto elettriche per Kawasaki

Per ora l’impegno è a vendere motociclette elettriche solo nei paesi sviluppati, e questo lascia perplessi, ed è uno degli impegni più a lungo termine presi da una casa produttrice.

D’altro canto però Kawasaki deve ancora mettere in strada una singola moto elettrica, e da questo punto di vista è molto indietro rispetto alla maggior parte dei produttori: il fatto che i giapponesi facciano una dichiarazione del genere fa ben sperare sui trend del mercato.

Due anni fa Kawasaki ha presentato all’EICMA di Milano, il salone specializzato in motocicli, un concept di moto elettrica in cui a farla da protagoniste erano le batterie intercambiabili: il veicolo era basato su una Kawasaki Ninja e le specifiche date poco dopo la presentazione in fiera erano piuttosto deludenti. La Ninja elettrica aveva un motore elettrico da 10kW continui (pari a circa 13 cavalli) con picchi di 20kW: numeri che impallidiscono di fronte alle proposte di altri produttori.

Dopo quell’annuncio non si è mosso molto, ma nel frattempo Kawasaki ha lanciato la promessa di fare uscire 10 modelli elettrici entro il 2025, e ora la scadenza del 2035 per l’elettrificazione completa di tutta la sua gamma: è un impegno gravoso per un’azienda grande come Kawasaki, che dovrebbe spostare la sua produzione e in qualche modo scontentare un seguito molto ampio di affezionati, essendo uno dei produttori più noti e importanti al mondo.

Vedremo se alle parole seguiranno i fatti e l’azienda giapponese proporrà qualcosa di interessante già nei prossimi mesi: ha sicuramente i mezzi per farlo e stupirci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *